Canile 3.0. Cani, persone e società

Canile 3.0. Cani, persone e società
Codice Prodotto: lib-canile3.0
Disponibilità: In Magazzino
Product QR Code
16,00€
 
Tags:
Luca Spennacchio
 
Canile 3.0. Cani, persone e società
 
Stampato in proprio
www.lucaspennacchio.it
 
€ 16,00
 
Dalla prefazione:
 
CANILE1.0 Alla metà degli anni ‘50 nacquero i primi canili come li intendiamo oggi, a seguito di una normativa del Regolamento di Polizia Veterinaria (n°320 – art.24 – 8 febbraio 1954): il loro principale scopo era quello di preservare la salute pubblica dalla diffusione di zoonosi (malattie trasferibili dagli animali non umani all’uomo) come il virus della rabbia. Quindi possiamo dire che il canile 1.0 avesse principalmente uno scopo sanitario.
 
CANILE2.0 Il 14 agosto 1991 arriva la Legge quadro 281 che, promossa e voluta con grande impegno dalle associazioni animaliste e sostenuta da una sempre crescente sensibilità nei confronti degli animali domestici da parte della popolazione, porta con sé il concetto di benessere animale e cancella la pratica della soppressione dei cani abbandonati dopo una breve permanenza in canile, dando il via ad una nuova Era che porterà agli occhi dell’opinione pubblica il dibattito sui diritti degli animali. Il canile 2.0 è impegnato prevalentemente nella custodia di questi animali abbandonati che, per liberare le strade delle città da un problema in continua crescita, vengono accuditi in strutture normate dalla legge su parametri ben definiti al fine di rispettare il loro benessere nella degenza a breve e a lungo termine.
 
CANILE3.0 Assodati i diritti degli animali, è necessario che il canile subisca una profonda trasformazione passando esclusivamente da luogo di cura e tutela a luogo attivo nella società, adoperandosi per la reale prevenzione all’abbandono e il maltrattamento; che diventi un luogo di formazione culturale e professionale e che, quindi, si adoperi per un rapido e opportuno reinserimento dei cani in nuove famiglie d’accoglienza. In pratica, sul finire degli anni ‘90, nasce e prende sempre più piede il concetto di Parco Canile1.
L’intento di questo libro è quello di spronare alla riflessione in merito al tema canile in linea generale, alla sua operatività e sull’importanza del suo ruolo nella società, senza voler scendere troppo nel dettagliato per includere, quanto più possibile, aspetti di realtà molto diverse, coesistenti sul territorio nazionale.